Domande frequenti

Che cosa è un carico induttivo?

Per carico induttivo si intende un carico con forte presenza di induttanza per esempio i trasformatori elettromeccanici ed elettronici, i reattori di lampade fluorescenti, i motori elettrici

Che cosa è un carico resistivo?

Per carico resistivo si intende un carico ohmico per esempio una resistenza, una lampada ad incandescenza o alogena a 230V.

Qual'è la differenza tra la centrale antifurto AF909RS e la centrale antifurto AF919RF?

La centrale AF909RS è una centrale antifurto che utilizza esclusivamente la tecnologia radio, è completamente autonoma e non deve essere alimentata dalla rete elettrica. 
La centrale AF919RF è una centrale mista che può essere impiegata come antifurto e come centrale per allarmi tecnici, utilizza sia la tecnologia radio che la tecnologia filo. Deve essere alimentata a 220Vca e perciò le batterie non devono essere sostituite perchè mantenute in alimentazione e in carica da un sistema in tampone.

In un impianto elettrico in edifici residenziali o similari è obbligatorio installare prese a spina interbloccate?

L'art.311 del DPR 547/55 richiede che le prese "per l'alimentazione di macchine e di apparecchi di potenza superiore a 1000 W devono essere provviste, a monte della presa, di interruttore, nonchè di valvole onnipolari, escluso il neutro, per permettere l'inserimento e il disinserimento della spina a circuito aperto". 
Questo articolo si applica a tutte le prese, comprese quelle da 10 A, e ovviamente va bene un interruttore automatico in luogo dei fusibili. Ma, attenzione, l'articolo in questione non chiede che l'interruttore sia "immediatamente" a monte, nè tanto meno che sia interbloccato. Poichè a monte di una presa c'è sempre, prima o poi, un interruttore automatico, si deduce che questo articolo è dal punto di vista formale sempre soddisfatto. Dal punto di vista sostanziale non serve a niente, salvo nei casi particolari in cui le norme di buona tecnica richiedono l'interblocco. (da TUTTONORMEL 12/2001).

La marcatura CE è applicabile alle prese a spina? Se si, come mai nessun produttore ne fa riferimento?

La direttiva Bassa Tensione non riguarda le prese a spina e perciò sono escluse dalla marcatura CE.

La marcatura CE deve essere necessariamente stampigliata sul prodotto oppure può essere presente su un documento a parte?

No, la marcatura CE può essere presente: 

- sul prodotto;
- sull’imballo 
- sullo stampato che accompagna il prodotto.

 

Le scatole che contengono il nodo equipotenziale, specialmente nei locali adibiti ad uso medico, devono avere coperchio trasparente?

Il nodo equipotenziale deve essere ispezionabile. Se il coperchio è trasparente, è più facilmente ispezionabile, anche se per la verifica è richiesta una prova strumentale. 
Il coperchio trasparente è una sicurezza visiva in più che non è inutile.

Cosa si intende per scatola multifunzione?

Una scatola che ha sempre svolto la sola funzione di derivazione, si definisce multifunzione quando ne svolge altre altrettanto importanti. 
Le scatole multifunzione di AVE possono essere utilizzate per le seguenti installazioni: 
-Centralino da incasso IP40 per appartamenti 
-Centralino da incasso stagno IP55 
-Centralino da incasso stagno IP55 di emergenza di colore rosso 
-Scatola di derivazione IP40 
-Scatola di derivazione stagna IP55 
-Scatola portafrutti da 10 a 20 moduli

Perchè le scatole di derivazione AVE sono vendute con il paramalta di serie?

Il paramalta è stato inventato dai tecnici AVE che quotidianamente sono a contatto con gli installatori nei cantieri. L'idea è nata quando i tecnici hanno visto che per impedire alla malta di entrare nelle scatole, le stesse venivano riempite di carta di giornale. Il paramalta AVE è realizzato con un cartone particolare che resiste alla malta, non si sfonda e assorbe facilmente l'umidità. Questa caratteristica ne consente l'identificabilità a lavoro ultimato rendendo l'installazione professionale e pulita .
 

Gli interruttori magnetotermici bipolari con un polo protetto possono essere installati a protezione di circuiti fase neutro?

Gli interruttori magnetotermici bipolari con un polo protetto (o unipolari + neutro come sono comunemente chiamati), si possono installare in circuiti fase neutro appartenenti a sistemi TT e TN-S. 
Non possono essere installati in circuiti appartenenti a sistemi IT e TN-C.

Nei circuiti trifasi senza neutro è possibile installare interruttori differenziali tripolari più neutro?

Si, perchè tutti i conduttori attivi passano attraverso il toroide e questo rende sensibile l'interruttore alla somma vettoriale delle correnti.

La presenza di animali domestici quali cani o gatti è rilevata dai sensori ad infrarosso degli impianti antifurto?

Si, perchè il sensore rileva qualsiasi passaggio di corpi caldi; perciò ad impianto inserito è indispensabile non lasciare all’interno dell’abitazione animali domestici.

Nei bagni è obbligatorio montare interruttori e prese con protezione IP 55?

Si ricorda che interruttori e prese vanno installati solo in zona 3. Normalmente il grado di protezione necessario è IPX1, a meno che non si tratti di bagni pubblici in cui è espressamente previsto il lavaggio delle pareti utilizzando un getto d'acqua. In questo caso il grado di protezione richiesto è IPX5.

In un impianto elettrico in edifici residenziali o similari è obbligatorio installare prese a spina interbloccate?

L'art.311 del DPR 547/55 richiede che le prese "per l'alimentazione di macchine e di apparecchi di potenza superiore a 1000 W devono essere provviste, a monte della presa, di interruttore, nonchè di valvole onnipolari, escluso il neutro, per permettere l'inserimento e il disinserimento della spina a circuito aperto". 
Questo articolo si applica a tutte le prese, comprese quelle da 10 A, e ovviamente va bene un interruttore automatico in luogo dei fusibili. Ma, attenzione, l'articolo in questione non chiede che l'interruttore sia "immediatamente" a monte, nè tanto meno che sia interbloccato. Poichè a monte di una presa c'è sempre, prima o poi, un interruttore automatico, si deduce che questo articolo è dal punto di vista formale sempre soddisfatto. Dal punto di vista sostanziale non serve a niente, salvo nei casi particolari in cui le norme di buona tecnica richiedono l'interblocco. (da TUTTONORMEL 12/2001)

Per rendere visibili al buio le placche pressofuse BANQUISE è sempre indispensabile illuminarle con la scheda elettronica a LED?

L'illuminabilità è necessaria per l'individuazione sicura al buio. In alcuni casi può essere sufficiente l'illuminabilità che si ottiene tramite la lente fotoluminescente di cui sono dotate le placche.

Si possono montare gli apparecchi della serie NOIR con le placche pressofuse della serie BANQUISE?

Si. Questo è possibile perchè sia la serie NOIR che la serie BANQUISE fanno parte del SISTEMA 45 AVE. Sono realizzate con lo stesso modulo (25x45mm) e con lo stesso sistema di aggancio. 
Entrambe si fissano sull'UNICO supporto 45B63 e pertanto possono essere completate con tutte le placche del SISTEMA.